Decreto Alfano: un emendamento minaccia la liberta’ di parola in internet 

Si accende in rete il dibattito sulla prossima approvazione del decreto Alfano, fondamentalmente finalizzato a regolamentare l’utilizzo delle intercettazioni, che introdurra’ disposizioni restrittive anche sull’utilizzo di internet.

Innanzitutto stupisce ancora una volta l’approssimazione con cui i decreti legge, e questo in particolare, pretendono di regolamentare una materia di cui l’estensore evidentemente non ha una piena padronanza (lo si evince dal linguaggio inappropriato e inesatto).

Ma soprattutto, tale decreto equipara ogni generico “sito informatico” ad un organo ufficiale di informazione (gia’ sottopostao alla Legge sulla Stampa), e lo assoggetta all’obbligo di rettifica: in pratica qualunque navigatore di internet, che abbia pubblicato nel suo pieno diritto democratico il proprio pensiero, discutibile fin che si vuole (purche’ non oltraggioso di quanto il senso comune e la pubblica decenza non difenda gia’ di per se’), potrebbe vedersi “obbligato a rettifica”, pena sanzioni che si converrebbero solo ad organi di informazione debitamente registrati, ed in casi straordinari.

Il passaggio e’ nel comma 28, lettera a), dell’articolo 1 del P.D.L. 9/01415-A/005, qui riportato:

“Per i siti informatici, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono»;”

Segnalo alcuni indirizzi dove l’argomento e’ in discussione:

articoli sui principali siti di informazione online